Manutenzione caldaie

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha diffuso un decalogo contenente utili indicazioni per una corretta gestione degli impianti di riscaldamento. Tra i vari punti c’è la raccomandazione a svolgere una regolare e periodica manutenzione della caldaia, affidandosi a un esperto di assistenza caldaie. Ma quali sono gli interventi obbligatori e ogni quanto vanno fatti?

La legge italiana impone periodici controlli e interventi di pulizia sugli impianti di climatizzazione invernale, per garantire la sicurezza della tua abitazione e una ridotta emissione di inquinanti. Chi non li effettua o li esegue in ritardo può incappare in pesanti sanzioni. Affidarsi a una figura professionale qualificata e abilitata a svolgere questa tipologia di interventi, dunque, è fondamentale.

Come stabilito dal D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74, i controlli sulle caldaie non hanno una periodicità fissa uguale per tutti. La manutenzione, infatti, non è da fare genericamente ogni anno, ma dipende dalla tipologia di caldaia, dalla potenza e con una periodicità contenuta nelle istruzioni tecniche per l’uso e la manutenzione.

 

1. Pulizia del Generatore

Pulire una caldaia non è come pulire una stufa o un camino. I componenti tecnologici presenti all’interno dell’apparecchio devono essere maneggiati con cura, da tecnici che se ne intendono e sanno dove mettere le mani. Ecco perché è bene affidarsi a Centri di Assistenza competenti in materia.

La pulizia dei componenti contribuisce a mantenere alti gli standard di efficienza della caldaia e ti permette di consumare meno, con risultati visibili anche in bolletta.

 

2. Controllo e Manutenzione

Il servizio di controllo e manutenzione della caldaia è uno dei tanti servizi offerti da chi si occupa di assistenza caldaie. Alla fine dei vari controlli viene rilasciato un allegato con il quale si certifica che in casa è presente un impianto sicuro e perfettamente funzionante, che rispetta l’ambiente a livello di emissioni inquinanti.

È consigliato far svolgere queste operazioni in estate, quando il riscaldamento è spento, secondo quanto stabilito dal D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74.

È fondamentale non far trascorrere troppo tempo tra una revisione e l’altra per evitare che eventuali malfunzionamenti possano compromettere il corretto funzionamento dell’impianto e la sua efficienza. Una caldaia che lavora bene assicura una riduzione considerevole nei consumi energetici.

 

3. Controllo dell’Efficienza Energetica

Il controllo dell’efficienza energetica è un intervento che va effettuato quando si accende la caldaia per la prima volta e successivamente con una periodicità stabilite dal D.P.R. 16 aprile 2013, n. 74 o nel caso vengano sostituiti elementi come il generatore di calore.

A termine delle operazioni di controllo viene redatto uno specifico rapporto di controllo di efficienza energetica di cui una copia viene trasmessa dal manutentore all’indirizzo indicato dalla regione di competenza.

Assistenza Caldaie: Affidati solo a Tecnici Abilitati 

Probabilmente anche tu di solito chiami l’idraulico per far controllare la caldaia. Sei sicuro, però, che sia abilitato a farlo? La manutenzione degli impianti termici è un’operazione delicata, che può essere eseguita solo da Centri di Assistenza Tecnica autorizzati, come stabilito dal D.M. 37/2008.

Affidarsi ad aziende qualificate, aggiornate e disponibili vuol dire garantire la massima funzionalità al proprio generatore di calore e la perfetta conformità dei fumi di combustione.

Lo sapevi che se non sei a norma con la verifica dei fumi rischi una multa fino a 3.000 euro?

Un servizio di assistenza caldaie professionale rilascia a fine lavori tutta la documentazione prevista dalla normativa vigente, assicurandoti interventi impeccabili.

Sostituzione della Caldaia: quando Conviene?

Nella guida sulla corretta gestione dell’impianto di riscaldamento, il MISE – Ministero dello Sviluppo Economico consiglia di valutare attentamente la possibilità di rinnovare il sistema di riscaldamento. Un impianto datato necessita di controlli più frequenti e di conseguenza ti porta a dover spendere di più per le manutenzioni. Inoltre, un nuovo generatore, come ad esempio una caldaia a condensazione, consuma di meno rispetto a una caldaia tradizionale, con un risparmio in bolletta fino al 30%.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *